Capitolo 8 – Dove sei tu, Romeo… o Giulietta, … a seconda dei casi? (di Kirsti VK9NL)


Parlare della generazione perduta di oggi non è solo un modo di dire, un recente sondaggio ha rivelato che persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni provenienti da un certo numero di nazioni industrializzate, hanno ottenuto risultati miserabili in un compito così formidabile come trovare dove si trovasse su una mappa del mondo l’Oceano Pacifico, o il Regno Unito e altri posti così appartati. I nostri giovani sono persi in un deserto di paesi.
Non sono stato sorpresa di leggere i risultati del sondaggio, nel tentativo di spiegare recentemente alle persone dove si trova l’isola di Howland, riscontrando alcune lacune sconcertanti nella loro conoscenza generale.
“È appena a nord dell’Equatore”, spiegherei pazientemente.
“Dov’è? È in Australia?” ha chiesto un brillante giovane prodotto delle moderne lezioni di geografia.
“Dovrebbero dedicarsi al radiantismo”, è stato il mio primo pensiero nell’apprendere che così tanti giovani non sanno trovarsi su una mappa, figuriamoci dove si trovano gli altri.
“Mappe sul muro dello shack, forse anche con spilli che contraddistinguono i paesi con cui abbiamo parlato. Cartoline QSL da piccole isole di cui solo i radioamatori hanno sentito parlare… Di sicuro sappiamo come muoverci su una mappa del mondo,” pensai compiaciuta… o no?
“Dovrebbe essere adorabile poter visitare un’isola tropicale”, cinguettò entusiasta una YL nel 1982 mentre ci preparavamo a sfidare i Quaranta Ruggenti per una DXpedition a Heard Island.
“Immagino che ci vorranno tre o quattro giorni per arrivarci”, tuonò un OM dicendo che il maxi-yacht Anaconda aveva appena lasciato Adelaide per Heard Island via Perth; un viaggio di migliaia di miglia marine. E non era nemmeno lo stesso tipo che nel 1983 partì dalla Gran Bretagna alla volta dell’America su uno yacht rubato dopo aver fatto scorta di viveri per il viaggio… tre pacchetti di biscotti e un barattolo di fagioli stufati!
Viaggiare non allarga necessariamente la mente tanto quanto la stanca. Un aeroporto è molto simile a qualsiasi altro; una città è una città e un hotel è come un altro. Quindi, forse è stato solo un lapsus che il presidente degli Stati Uniti Ford ha brindato ad Anwar Sadat in Egitto nel 1975 dicendo: “al grande popolo del governo di Israele!” E il presidente Reagan, che a volte ha grandi difficoltà con i nomi delle persone e dei luoghi, in un’occasione successiva ha collocato Cuba nel Mediterraneo senza tante cerimonie.
Ovviamente NOI non commettiamo errori del genere. Conosciamo tutti i principali pezzi di terra come l’Africa e l’America. Sappiamo che c’è qualcosa chiamato Polo Sud e qualcosa chiamato Polo Nord, con una linea a metà strada, chiamata Equatore. Sappiamo tutti che il mondo è rotondo… ma aspetta… Perché alcune persone indicano sulla loro QSL la loro ora locale per una stazione dall’altra parte del mondo? Forse perché alcuni di noi credono che il mondo sia rotondo, non come una palla, ma piuttosto come una frittella? O è semplicemente perché anche alcuni di noi non saranno in grado di indicare il Canada su una mappa del mondo, credendo che sia solo un paio di isolati più avanti? Un pensiero davvero inquietante… possibile che non siamo così intelligenti come pensiamo di essere?
Parliamo con le stazioni su tutti i tipi di piccole barriere coralline e scogli negli oceani, senza preoccuparci di sapere a come gli operatori arrivano lì. Sono volati lì, giusto? Che si tratti di St. Peter and Paul Rocks nell’Atlantico o Mellish Reef più vicino a casa, in quel po’ di blu sulla mappa, chiamato Oceano Pacifico. Per comodità nei contest radioamatoriali, circa 40 milioni di miglia quadrate di quel pezzo di blu sono state raggruppate in un “continente” chiamato Oceania, che la maggior parte dei politici australiani e dei nuovi media chiamano affettuosamente “i cortili dell’Australia”, causando confusione mentale.
Alcuni radioamatori apparentemente credono che le isole dell’Oceania siano raggruppate in un fazzoletto da qualche parte nel mezzo dell’oceano.
Ho ascoltato uomini adulti discutere di come la propagazione a Samoa e Kiribati debba essere la stessa, forse non sapendo che circa 1500 miglia separano i due gruppi di isole. Le mappe su piccola scala possono ingannare, quindi molti danno per scontato che se operi da Central Kiribati, dovresti cogliere l’occasione per fare un salto a East Kiribati per un paio di giorni per soddisfare i cacciatori di DXer. Cosa sono solo 1000 miglia tra amici? Sono solo pochi centimetri sulla mappa. Per questo motivo a volte riceviamo anche una QSL sull’isola di Norfolk, con la richiesta di consegnarla a tal dei tali a Nauru, a sole 1800 miglia di distanza.
Naturalmente, questa è solo pignoleria. Non ci si può aspettare che nemmeno i radioamatori conoscano ogni piccolo puntino sulla mappa fino a quando almeno non avranno fatto un QSO con detto puntino. A quel punto vogliamo una cartolina e abbiamo bisogno di un indirizzo. Quindi prendiamo il callbook per trovare un indirizzo, per esempio, di una stazione di Willis Island. E cosa troviamo? Christmas Island, Cocos (Keeling) Island, Norfolk Island; tutti riuniti sotto il titolo ‘Nono distretto’. Alcuni radioamatori prendono alla lettera questo genere di informazioni, quindi a volte abbiamo ricevuto posta indirizzata a: Jim Smith, Christmas Island, Cocos (Keeling) Island, Norfolk Island, Willis Island. Le poste australiane hanno colpito per caso l’isola giusta e ha gettato la cartolina nella borsa destinata a Norfolk Island, ma ovviamente nessuno sa quante cartoline sono state gettate in qualche altra borsa.
Senza callbook, alcuni prendono la via più facile. Dopo Heard Island nel 1983, almeno un VK ha indirizzato la sua cartolina per Heard Island a: Jim Smith, Heard Island, mi chiedo in quale borsa sia finita.
E potrebbe essere che attualmente ci siano centinaia di cartoline QSL che vagano lentamente attraverso i sistemi di posta del mondo in un’inutile ricerca di destinazioni oscure come Peter 1. Island, Kingman Reef e Malyj Vysitskij Island. Tutto perché alcune persone non hanno fatto i compiti di geografia, persone che appartengono alla generazione perfetta!

73’ Emanuela IZ2ELV

(altri capitoli: https://tremaghi.blog/category/qrv-per-me-una-vita-da-dxer-di-kirsti-vk9nl/)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: