Capitolo 5 – Benvenuti nel mio shack (di Kirsti VK9NL)


Quando Jim è via, a volte trovo il tempo per dare un’occhiata più da vicino a ciò che mi circonda. Succede che ricordo i miei giorni precedenti a quando sono diventata radioamatore con una punta di nostalgia per uno stile di vita ordinato in una casa normale. In questi giorni mi limito a guardare le stanze principali. Ma nel 1985 era ancora possibile vedere i contorni di base dello shack.

Mandami una foto del tuo shack. La posta a volte porta richieste del genere, dandomi una sensazione di inadeguatezza. Guardo le foto dello shack di altre persone, alcuni sono grandi e spaziosi, altri sono minuscoli o forse solo un angolino in un’altra stanza. Ma hanno tutti una cosa in comune. Non c’è niente fuori posto. Il tavolo della stazione è lucidato a specchio. Radio, amplificatori lineari e altri aggeggi in dotazione sono sapientemente allineati in fila: penna, blocco, log. Tutto pulito.

Lo shack di VK9NS/VK9NL non è così. A volte vorrei che fosse separato dal resto della casa da un passaggio segreto, in modo che visitatori innocenti non possano vederlo accidentalmente. Anche io trovo incredibile quanta roba si possa mettere in una stanza di 2 metri per 3. A parte il necessario, come il tavolo di stazione, radio, ecc., ho appena finito di contare 29 scatole di cartone piene di roba.
Alcuni scaffali sono allineati sulle pareti. Originariamente erano pensati come librerie, ma altre cose sembrano aver preso il sopravvento. Ci sono scatole di cartoline QSL, pile di riviste e, sì, l’antenna per i sei metri che raccoglie polvere.
L’area operativa è a due postazioni. Questo è necessario quando due operatori condividono lo shack e uno di loro non apprezza un buona radio come l’FT301. Certo, va un po’ alla deriva, il controllo del volume scoppietta e non ha un secondo VFO per permettermi di lavorare in split, ma che importa? Ha un aspetto amichevole e mi piace.
Ad ogni modo, una volta che l’Icom di Jim e il lineare sono andati in Papua New Giunea per un soggiorno prolungato, mi è rimasto un grande tavolo disponibile per gli oggetti più importanti. C’è per esempio una scatola di cartone piena zeppa di grandi buste marroni di seconda mano per spedire le cartoline QSL a Jim. Perché, anche se se n’è andato da più di 12 mesi, le persone continuano a indirizzare le loro QSL a Norfolk Island. Accanto alle buste c’è una scatola più piccola contenente timbri e tamponi. Un altro paio di scatole contengono alcuni strumenti e connettori coassiali e un vecchio microfono da scrivania è un utile supporto per appendere i cavi di collegamento. C’è un assortimento di strane cartoline QSL, cartoline, biro ormai prosciugate, vecchi francobolli, qualche elastico ormai morto e due cucitrici, una delle quali è vuota.
Cerco di mantenere la parte superiore delle radio e l’alimentatore liberi da ingombri. Il fatto che abbiano le griglie potrebbe essere un segno che dovrei lasciarli “respirare”. Ma c’è spazio sotto le radio. Oh si. Spazio per cartoline QSL più strane, vecchie buste, francobolli e promemoria importanti di tre mesi fa.
Lasciando il tavolo principale, vengo alle cose che devo avere sempre a portata di mano, elenco delle direttive, elenco dei paesi DXCC, biro che funzionano, blocco degli appunti. Ho anche un cruciverba per passare il tempo mentre sono in net, cartoline QSL da compilare mentre ascolto pigramente le bande, scatola di buste economiche comprate a Woolworth durante la mia ultima grande uscita sul continente, lente d’ingrandimento per cercare gli indirizzi nel callbook e leggere alcune riviste di radioamatori stampate a caratteri minuscoli. Per qualche ragione c’è anche un vecchio dado (no, non di quel tipo!) e una lima per unghie che pensavo di aver perso.
A portata di mano c’è un classificatore a due cassetti, il cui piano è all’altezza del tavolo e comodo per appoggiare le cose. Ci sono scatole di QSL, nastro adesivo, una guida alle tariffe postali, un trapano a mano, il mio tester e una bobina di cotone bianco.
Il cotone è lì perché questa è essenzialmente la mia stanza del cucito. Accanto allo schedario c’è il mio tavolo da cucito e la macchina da cucire. Ho persino un cestino da cucito, sopra il quale si trova un potente magnete con una graffetta rotta e una vecchia graffetta attaccata.

La parete di fondo ha più scaffali, che ospitano più cartoline QSL – otto scatole da scarpe per la precisione. Lo scaffale più in alto è occupato dai raccoglitori contenenti i log delle DXpedition. Sul tavolo sotto questi scaffali ci sono gli schedari pieni di cartoline QSL con altre quattro scatole da scarpe sul pavimento, sotto il tavolo.
La quarta parete ha scaffali zeppi di libri e riviste radiantistiche; alcune in giapponese, una in cecoslovacco, qualche in italiano, norvegese, inglese, indonesiano – le accumuliamo tutte.
Sul pavimento, celate in parte dalla porta che si apre verso l’interno, si trovano una serie di scatole di cartone (che si aggiungono alle altre 29) di varie forme e dimensioni. Le tengo lì nel caso possano tornare utili. Conservare le cose per questo scopo è una malattia insulare che colpisce il cervello e non ha niente a che vedere con i radioamatori. Jim non ha ancora vissuto qui abbastanza a lungo per averlo imparato, quindi a volte abbiamo accese discussioni quando voglio tenere oggetti utili come contenitori vuoti di margarina e vecchi spazzolini da denti. Quando ci siamo sposati per la prima volta, coglievo una sorta di frenetico luccichio negli occhi di Jim ogni volta che cercavo di convertirlo al mio modo di pensare. Era quasi come se fosse preoccupato per il fatto che si fosse sposato con qualcosa di strano e un po’ insolito. Ma un giorno è andato a trovare qualcuno che vive sull’isola da più tempo di me e quindi è in una fase più avanzata di collezionismo. Da allora, non è più così nervoso.
Ad ogni modo, con Jim in Papua Nuova Guinea posso davvero mettermi a prendermi cura delle cose. Da qui le scatole dietro la porta.
C’è un posto libero nello shack. Al momento è pieno zeppo di vecchie buste dalle quali intendo tagliare via i francobolli.
Le ultime scatole vivono sotto il tavolo di stazione. Due sono piene di cartoline QSL e due contengono cianfrusaglie.
E ora abbiamo chiuso il cerchio dello shack. Uno di questi giorni metterò tutto da parte, scatterò una foto dell’angolo ordinato e, chissà? Forse qualcuno guarderà quella foto, ammirerà l’attrezzatura ordinatamente allineata e il tavolo lucido, e desidererà che anche lui o lei abbia uno shack come il nostro.

73′ Emanuela IZ2ELV

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: