Capitolo 4 – Discussione (di Kirsti VK9NL)


Quando Jim tornò in Nuova Guinea nel 1984 per 18 mesi, sono stata lasciata a capo non solo dello shack, ma anche di tutti gli aggeggi elettronici di casa. Come se sapessero che non c’era un vero capo in giro, a loro volta si sono presi gioco di me.

L’Array di 40 metri, orgoglio di Jim, è fuori uso. Abbiamo avuto un sacco di tuoni e fulmini ultimamente, e quel tipo di condizioni meteo può devastare i circuiti elettronici. Questo non è un problema quando Jim è a casa. Ha costruito l’Array, commutabile in quattro direzioni e conosce tutto di questa antenna, così per me non è mai stato necessario prestare molta attenzione alle cose che la fanno funzionare.
Quindi, eccola lì, fuori uso, puntata verso gli Stati Uniti e permanentemente diretta verso il Nord America.
Forse le mucche avevano masticato qualcosa di vitale nel paddock? Tre cavalli corsero eccitati fino al recinto mentre mi preparavo ad attraversare per indagare. Ho fatto marcia indietro e ho deciso di cercare il problema più vicino a casa, nella baracca.
C’è una scatola quadrata sullo scaffale sopra la radio. Ha pulsanti per commutare gli elementi dell’Array. Ogni pulsante è dotato di un led ed indicante in quale direzione stiamo puntando. Non si vedono luci. Do un colpo non scientifico e una piccola scossa alla scatola. Ancora nessuna luce. Sollevo il coperchio e sbircio all’interno. Nessuno è più saggio. Prendo la lente d’ingrandimento. Ancora nessuno è più saggio.
Vivere su un’isola paradisiaca ha i suoi svantaggi. La competenza tecnica è praticamente inesistente. Il che andava bene in quei primi giorni in cui usavamo lampade a cherosene, ma alla fine anche l’elettricità, seguita da gadget elettronici, ci hanno raggiunto. Un’altro campo in cui dobbiamo imparare a farcela nel miglior modo possibile.
È giunto il momento del mio sked con Jim e gli ho subito dato la triste notizia.
“Hai a portata di mano il tuo tester?” dice Jim nel modo in cui qualsiasi altro uomo può chiedere a sua moglie dove sono i suoi calzini.
Non ho il tester a portata di mano. Sto raccogliendo polvere nell’officina. Quindi, ci soffermiamo per una breve lezione sul funzionamento dell’Array; come vengono alimentati i relè e altri fatti interessanti della vita. La banda si chiude e lo sked finisce.
La mattina seguente ha portato altri tuoni e ho sentito un “pop” dalla baracca mentre mi stavo lavando i denti. Più tardi, nel corso della giornata, ho scoperto che l’Icom era morto. Ormai ho recuperato il mio tester dall’officina quindi spero di riuscire a controllare il fusibile nell’alimentatore Icom. Nessuna gioia, oh, come odio quando è a posto e ancora non succede nulla.
Per fortuna ho ancora il mio fedele FT301. Arriva l’ora dello sked e racconto a Jim la triste notizia del giorno. Mi consiglia di prendere l’alimentatore di riserva dall’officina. Nessun progresso è stato fatto sull’Array di 40 metri. La banda si è chiusa presto.
Il pomeriggio successivo è stato speso per lo scambio degli alimentatori. L’Icom non ha funzionato anche se il fusibile era a posto, quindi ho recuperato anche quello di riserva. Ho bisogno dell’Icom per lavorare a ZA e San Felix. Ho separato il VFO.
Comincio a sentirmi un tecnico, ma i prossimi giorni vanno sprecati perché non c’é propagazione. Nell’attesa, prendo il mio tester per misurare qualche voltaggio qua e là per avere qualcosa da riferire a Jim.
Ci sono solo segnali molto deboli provenienti da P29-land. Jim non è molto contento della mia tensione negativa. (Come ho fatto a gestirlo?)


L’Array è lì, è fuori servizio tranne che per gli Stati Uniti. Jim sa qual è il problema.
“Hai perso l’alimentazione a 12 Volt”, dice.
Provo a litigare! Voglio che sia qualcosa di semplice, come un fusibile per esempio. Tuttavia, devo ammettere con riluttanza che i fusibili sono tutti a posto e che Jim ne sa più di me su queste dannate macchine delle quali so solo come premere il tasto e giocare.
Jim è stato via per un mese e io ho già a perso un Array di 40 metri, una radio, un alimentatore e un videoregistratore. Tuttavia, non dispero. Grazie alla radio, Jim mi parlerà come fanno nei film quando il pilota è morto per intossicazione alimentare e l’hostess sta portando il jumbo e il suo carico di 450 passeggeri al sicuro per l’atterraggio.

73′ de Emanuela IZ2ELV

(immagine tratta dal sito H.I.DX.A. – altri capitoli: https://tremaghi.blog/category/qrv-per-me-una-vita-da-dxer-di-kirsti-vk9nl/)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: