Un inizio precoce (di Kirsti VK9NL)


“Se rispondesse qualcuno?”
“Ooh… ah… gulp”

Edel, la mia compagna di studi al Trondheim Maritime College in Norvegia fissava con i suoi occhi blu spalancati la stazione radioamatoriale di fronte a noi. Eravamo circa a metà strada di un corso di dieci mesi, che avrebbe dovuto qualificarci per diventare ufficiale radiotelegrafico responsabile di una stazione navale. L’anno era il 1956 e gli operatori radio addestrati per gestire la grande flotta navale norvegese erano una specie rara.
Pertanto, ai nuovi operatori non sarebbe stato concesso il lusso della mano guida di un operatore esperto fino a quando non avesse acquisito familiarità con la stazione e la routine di una nave. Nel giro di sei mesi saremmo stati gettati nella mischia e ci avrebbero chiesto di cavarcela da soli. E ci era stato detto che captare segnali deboli in mezzo al QRM o QRN non sarebbe stato come ascoltare la trasmissione dell’insegnante che martellava indisturbata nelle nostre cuffie a scuola. No signore!! Il “mondo reale” era ben altro!
Da questo momento eravamo radioamatori. Dopo quattro mesi di formazione intensiva sui misteri dell’uso e dei tecnicismi della radio, avevano deciso che gli studenti fossero esposti al “mondo reale” in modo da causare il minimo danno. Il college disponeva di una stazione radioamatoriale, LJ2K e dopo alcune istruzioni operative di base e dimostrazioni pratiche saremmo stati catapultati nella comunità di ignari radioamatori.
Da quel momento due alunni sarebbero stati “in servizio” la sera, gestendo la stazione senza la supervisione dell’insegnante. Quindi, eccoci qua, io e Edel, con la bocca secca e le ginocchia tremanti, pronte a trasmettere i nostri punti e linee dalla stazione ubicata nel laboratorio del Maritime College, dove era ancora ospitato dal 1912 nella parte vecchia. Le aule avevano persino stufe a combustibile solido che dovevano essere alimentate continuamente nel corso delle nostre lezioni durante i mesi invernali.
Il laboratorio è stato il luogo in cui noi studenti abbiamo fatto esperimenti sotto l’occhio vigile dell’insegnante di tecnologia per dimostrare che le lezioni di radio non erano solo teoria ma fatti della vita. Molti di noi non si sono mai sentiti a proprio agio lì dentro. Il posto brulicava di gadget che aspettavano solo un’occasione per fulminare gli studenti incauti. L’insegnante di tecnologia spesso ricordava a noi ragazze che non eravamo i suoi studenti preferiti. Sebbene le donne fossero state accettate come ufficiali radiotelegrafisti della marina da oltre un decennio, riteneva che tale istruzione era sprecata per una ragazza, perché alla fine si sarebbe sposata e avrebbe rinunciato al suo lavoro. Al contrario non menzionava che la stessa istruzione sarebbe stata sprecata per quei ragazzi che avrebbero trascorso solo un breve periodo in mare per guadagnare denaro per proseguire gli studi. In ogni caso, il suo atteggiamento non ci ha mai preoccupate e non ci siamo mai prese la briga di discuterne. Tuttavia l’insegnante di tecnologia era riuscito in qualche modo a farci capire che i gadget in laboratorio condividevano i suoi sentimenti e che quindi dovevamo stare molto attente.
Proprio in quel momento, quel sentimento era reciproco. Avrei voluto essere a casa a letto invece di sedermi in bilico davanti a questa stazione radio di cui sapevo poco o nulla. Ma il dovere è dovere. Ci era stato chiesto di stabilire contatti e che, si sperava, la radio non ci avrebbe morso qualora avessimo fatto qualcosa di sbagliato. Avrei potuto ascoltare una miriade di suoni morse. I nominativi e i prefissi non significano nulla per noi in questa fase, ma sento una stazione, YU2LA, che chiama CQ. Con uno sforzo deciso la mia mano ha premuto il tasto. “YU2LA di LJ2K K”
Avevamo imparato che K significa “kom” in norvegese o “vieni avanti”. Nessuno ci aveva parlato cos’altro avremmo incontrato nel “mondo reale”.
“LJ2K de YU2LA ur RST è 579 hw cpi? K”
Ebbene, ho copiato l’RST e il K. Cosa significassero HW e CPI forse ci sarebbe stato rivelato a tempo debito. Sapevo che dovevamo dare un rapporto e ho risposto secondo i regolamenti con la mia testa in un vortice. Oh! L’avevo fatto! In realtà ero in contatto radio con qualcuno, da qualche parte nel mondo, dovunque potesse essere! Ci siamo scambiati i nomi e così via e terminata la trasmissione nel modo prescritto con …-.- (n.d.r.: sk)
La nostra correttezza avrebbe potuto buttar giù dal loro trespolo alcuni di questi operatori, ma le abbreviazioni e il gergo dei radioamatori ci hanno mandato in confusione. Ma il primo QSO mi aveva messo in pista per imparare bene il gergo usato nel “mondo reale”. Dopo di che ero più rilassata. Edel ci ha provato e anche lei è sopravvissuta al calvario. Quando abbiamo spento, la nostra soddisfazione era spropositata.
I dubbi sono venuti dopo, mentre stavo cercando di dormire, con l’adrenalina che continuava a pulsare nel mio corpo. Avevamo spento tutto? Avevamo chiuso bene? Avevamo danneggiato qualcosa? Mi chiesi, girandomi e girandomi nel letto. Poi ancora – forse la scuola è andata a fuoco durante la notte e la colpa era nostra! La fiducia in me stessa e nelle “cose ​​​​elettriche” non era chiaramente il mio punto di forza a questo punto della mia carriera prescelta. Ma, con un po’ di fortuna, sarebbe migliorata nei sei mesi successivi o qualche sfortunata nave si sarebbe ritrovata in preda a un naufragio causato dalla sala radio.
Il mattino successivo guardai ansiosamente in basso la città mentre il mio autobus scendeva lentamente le colline, sforzando gli occhi potevo semplicemente individuare l’edificio basso del Maritime College. Era ancora lì! Con un sospiro di sollievo mi sono seduta di nuovo al mio posto. Potevo sedermi sugli allori e iniziare a vantarmi del mio successo.
Avevo custodite in una busta di plastica ben sigillata le due QSL ricevute in queste sessioni scolastiche. Una era di YU2LA Zlato di Rijeka. L’altra di DL6DV Ernst di Feldafing vicino a Monaco e inconsciamente avrei dovuto sapere che un giorno mi sarei dedicata alla radio amatoriale come hobby. Perché altrimenti avrei conservato quelle cartoline e le avrei portate con me dall’altra parte del mondo fino all’isola di Norfolk?
È divertente come vanno le cose, ho superato tutti gli esami e ho trascorso alcuni anni in mare, principalmente sulle rotte dell’Atlantico e del Medio Oriente, ma anche per un periodo nelle acque artiche e persino nel Mar Nero. Ma dovevano passare 24 anni prima che mi sedessi di nuovo davanti a una stazione di radioamatore, questa volta la mia, deglutendo nervosamente e con il manuale dell’impianto saldamente in mano. Correva l’anno 1980 e, dopo aver studiato per sostenere un esame di radioamatore, ero stata informata dalle autorità australiane delle telecomunicazioni che il diploma di radiotelegrafista navale mi qualificava già per essere titolare di una licenza di radioamatore. Quella era una buona notizia e non c’era voluto molto prima che mi rilasciassero il nominativo VK9NL e la licenza.
Seguendo scrupolosamente le indicazioni fornite nel manuale, mi sono sintonizzata nella sezione di banda CW dei 20 metri. Sul tavolo c’era il vecchio tasto telegrafico che mi aveva seguito nel bene e nel male durante quei 24 anni. Per mantenere allenato il mio morse – per ogni evenienza!

Ho fatto una chiacchierata con Jim P29JS in Papua Nuova Guinea e ho ascoltato attentamente. Eccolo! “VK9NL, de P29JS hw cpi? K” La mia mano premette il vecchio tasto. “P29JS de VK9NL, ur rst 599 hw me? K” Era fatto. sapevo che avrei adorato questo hobby e il morse. Tutti quei paesi con cui parlare. Seduta in una minuscola isola lontana nel Pacifico, la radio sarebbe diventata un’ancora di salvezza per la mia sanità mentale. Il mio log riporta che io e Jim abbiamo avuto un QSO che è durato circa venti minuti. Dopo di che devo essermi sentita abbastanza sicura perché ho continuato a lavorare su un pile-up dagli Stati Uniti, ogni QSO della durata di cinque o dieci minuti. Senza dubbio ho trasmesso il mio nome e l’indirizzo per le QSL in ogni QSO che ho fatto. Un’ora e mezza dopo smisi per quella notte. Ma, mentre strisciavo nel letto, sapevo che, sebbene fossi una novice nel mondo radioamatoriale e un pò arrugginita per aver trascorso così tanto tempo in naftalina, sarei stata molto occupata… ho chiuso gli occhi e ho sospirato. Potevo anche affrontare la verità, che grazie al QTH sulla mia piccola isola, ero stata nuovamente mandata allo sbaraglio, questa volta nel DXing.

73′ Emanuela IZ2ELV

(tutti i capitoli: https://tremaghi.blog/category/qrv-per-me-una-vita-da-dxer-di-kirsti-vk9nl/)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: