Le prime donne radioamatore d’America e la loro fantastica eredità


Puntuale come sempre è arrivata la newsletter di novembre YL Beam a cura di Heather ZS6YE che come sempre mi ha dato spunto per scrivere un articolo sull’importante presenza femminile nel Ham Radio, questa volta argomento trattato sulle pagine di un sito newyorkese, The Mary Sue, che si definisce il cuore pulsante della cultura geek, esaltando la rappresentanza delle donne nelle tecnologie emergenti e firmato da Ashley Hennefer, scrittrice e ricercatrice di Reno nel Nevada.
La presenza femminile nel mondo delle comunicazioni d’oltreoceano si denota già all’inizio del XX secolo, grazie alla loro partecipazione agli sforzi bellici e al loro desiderio di entrare in contatto con altre donne di tutto mondo affascinate dalla radio, una mezzo che ha dato loro la possibilità di avere una voce globale come confermato dall’articolo The Feminine Wireless Amateur pubblicato nel 1916 sulla rivista di scienze tecniche americana The Electrical Experimenter che narrava: “SOLO perché un uomo, il signor Guglielmo Marconi, ha inventato la telegrafia senza fili commerciale non significa che il gentil sesso non possa dominare i suoi misteri. “[…]
Le donne sembrano progredire in modo eccellente nei rami dell’ingegneria. Principalmente perché il loro cervello è rapido nell’azione e inoltre di solito si trova ad avere idee estremamente equilibrate per quanto riguarda le proporzioni, così essenziale nella progettazione. Una meravigliosa immaginazione unita a una serie di altre meritevoli facoltà contribuiscono a creare una combinazione davvero raffinata, così che troviamo ad hoc un numero sempre crescente di donne architetto, esperte meccaniche ed elettrotecniche, operatori radiofonici e ingegneri civili. Quello di cui abbiamo bisogno è la loro presenza sempre maggiore nelle più alte posizioni, dove la radice quadrata e il teorema binomiale sono quantità quotidiane.
Questa è una prospettiva abbastanza positiva e progressista per le donne nella scienza e nell’ingegneria, specialmente nel 1919. Anche un articolo del 1931 del New York Times ha osservato questa tendenza, scrivendo che “L’elenco delle donne che ottengono le licenze di radioamatore sta aumentando rapidamente, ha affermato oggi il Dipartimento del Commercio, sebbene nel Paese vi fossero solo otto donne operatrici commerciali registrate. […] Ci sono 86 donne operatrici di radio, contro circa 18.000 uomini.”
Questo numero è cambiato drasticamente dal 1930 e nel 1939 è stata fondata la Young Ladies’ Radio League, Inc. (YLRL), la più grande organizzazione mondiale che raggruppava donne già in possesso di una licenza radioamatoriale o ambivano ad ottenerla.
E mentre ora ci sono migliaia di operatrici radio in tutto il mondo, diverse donne importanti all’inizio del XX secolo hanno posto le basi per le nuove generazioni di ragazze che trovano una voce nelle onde radio.

A soli quindici anni, Gladys Kathleen Parkin (1901-1990) ha ricevuto la sua licenza di radioamatore professionale. Fondamentalmente era una ragazza veramente tosta, in quanto aveva ottenuto la sua prima licenza all’età di nove anni. È apparsa sulla copertina di The Electrical Experimenter e all’epoca era la “più giovane donna candidata per una licenza radioamatoriale mai esaminata dal governo fino a quel momento”, secondo un articolo del 1916 sul San Francisco Chronicle. Parkin ha iniziato il suo hobby all’età di cinque anni con suo fratello ed è stata la prima donna in California a ottenere la licenza radioamatoriale di prima classe.
Il nominativo di chiamata di Parkin era 6S0 e ha trascorso la sua vita nell’industria radiofonica, sviluppandosi una reputazione per la costruzione della propria attrezzatura. Eccola, citata in The Electrical Experimenter: “Con riferimento alle mie idee sulla professione radio come vocazione o hobby utile per le donne, penso che la telegrafia senza fili sia uno studio molto affascinante e che potrebbe essere facilmente ripreso dalle ragazze, poiché è molto più interessante del lavoro telefonico e telegrafico, in cui ora sono impiegate tante ragazze. Ho solo quindici anni. … Ma l’interesse per il wireless non si esaurisce nella conoscenza del codice Morse. Puoi imparare gradualmente a costruire tutti i tuoi apparati, come ho fatto io con il mio da ¼ di kilowatt. C’è sempre di più davanti a te, poiché la telegrafia senza fili è ancora agli inizi.”

Graynella Packer

Graynella Packer della Florida è stata la donna più giovane a diventare un operatore radio “a bordo di un piroscafo oceanico” all’età di soli ventidue anni. Si legge in un articolo del 1914 nel King Country Chronicle: “Le sue esperienze in mare le hanno regalato molte storie che ha poi raccontato ai suoi amici e alla sua famiglia. Sebbene tecnicamente non fosse una dilettante, la sua passione è iniziata come un hobby e Packer era da tempo interessata al modo in cui l’elettricità e le comunicazioni funzionavano in mare aperto. Ha operato sul piroscafo Mohawk dal 1910 al 1911.”


La canadese Olive J. Carroll aveva una passione per i viaggi e l’esplorazione mentre cresceva negli anni ’30 e ’40 e la radio era la sua porta di accesso al mondo. L’interesse di Carroll per il mondo radioamatoriale è iniziato al liceo, ma alla fine lo ha trasformato nella sua carriera e ha frequentato la Sprott Shaw School of Radio, dove ha conseguito il certificato radiofonico di seconda classe nel 1944. È stata assunta dal Dipartimento dei trasporti canadese come operatore intercettatore e pochi anni dopo, quando le si è presentata un’opportunità di lavorare sul mercantile norvegese M/S Siranger, ha accettato, non avendo mai viaggiato prima oltre le 500 miglia da casa sua. Come Packer, Carroll era spinta dal desiderio di esplorare il mondo operando dall’oceano.
Nel 1994, ha scritto un libro sulle sue esperienze intitolato “Sparks” del mare profondo: una ragazza canadese nella marina mercantile norvegese. Il Museo Marittimo di San Francisco ha ricreato la sala radio di una nave con la stessa attrezzatura usata da Carroll durante il suo impiego sulla M/S Siranger.

La cartolina QSL di Clara Reger

È impossibile parlare di figure femminili nel Ham Radio, le Young Ladies, abbreviato con l’acronimo YL, senza riconoscere il lavoro di Clara Reger, che ricevette il suo nominativo nel 1933 all’età di trentacinque anni. Reger ha avuto una lunga carriera come operatore e ha gestito le comunicazioni nelle calamità naturali che seguirono la seconda guerra mondiale. Conosciuta per le sue eccezionali abilità nel codice Morse, Reger ha trascorso gran parte della sua vita insegnando agli altri come diventare operatori. Ha anche ricevuto l’Edison Award per aver insegnato a un ragazzo di quattordici anni senza braccia a trasmettere il codice Morse con i piedi.
Ma Reger è anche nota per il suo particolare saluto che ha creato appositamente per le donne che comunicano con altre donne, il saluto “33”, che significava amore sigillato con amicizia. Reger sapeva che sentire la voce di un’altra ragazza dall’altra parte del microfono era raro e speciale. Che dono trovare altre donne attraverso la radio, attraverso l’oceano, attraverso il mondo!
YL 33 è considerato sacro dalle radioamatrici e c’è una poesia dedicata ai successi e alla passione di Reger per le comunicazioni radio. Potete leggerla integralmente sul sito della Young Ladies Radio League, ma ecco un passaggio:

Non c’è una vera definizione,
ma il suo significato è ben noto.
È così che una YL dice buona sera
a un altra amica YL.

Sebbene queste siano solo alcune delle tante donne che hanno usato la radio come mezzo di comunicazione preferito, le loro storie come operatrici sono affascinanti e stimolanti. Queste donne sono unite nella loro comune passione per l’esplorazione, la tecnologia e l’avventura e questo vale ancora oggi per le tante Young Ladies.

(immagini e fonte: https://www.themarysue.com/female-ham-radio-operators/)

Emanuela Trevisan Ghiringhelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: