Danzando in un girotondo di emozioni


Ci sono tanti modi per scegliere una libro, per genere o per autore. In questo ultimo anno ho letto tutto ciò che mi capitava tra le mani, tanta era la fame di lettura e dopo questa scorpacciata ho deciso di scegliere accuratamente i miei libri. Devono essere coinvolgenti e che alla fine mi fanno uscire un pò diversa, perchè solo così quel saggio ha lasciato un segno.
A questo primo libro del nuovo anno sono arrivata per gradi. Dapprima ho visto alcune condivisioni in Facebook, sono stata attratta dal titolo, Se respiri stai danzando, quindi ho seguito la presentazione e intervista all’autrice sul canale di YouTube di Dharma Academy. Mi ha incuriosito molto questo saggio, scritto da una Monaca e Maestra Zen, che sin dall’infanzia voleva farsi suora e con il sogno della danza, che ha realizzato con molto successo, esibendosi anche come solista con Carla Fracci e Rudolf Nurejev e all’apice della sua carriera ha deciso di ritirarsi dalle scene.
Il libro non è un romanzo e tanto meno una biografia, ma una raccolta di pensieri, aneddoti e passaggi narrati in prosa che, come Annamaria Gyietsu Epifania spiega nell’intervista, vuole essere un momento di compagnia, un abbraccio e che invita ad accogliere sé stessi così come siamo.
E’ strutturato in tre atti che raccolgono cinque capitoli ognuno. Il primo atto il caos che spinge la scintilla, il secondo l’intuizione, movimento che torna a sé stesso e l’ultimo il dono radice, tre tematiche che di primo acchito potranno sembrare complesse, ma non è così, tutt’altro.
Le 172 pagine di questo testo di saggezza sono come le ciliegie, una tira l’altra, le ho lette tutte d’un fiato, una danza di riflessioni che suscitano un gran senso di tranquillità e che invitano all’introspezione e a guardarsi attorno con altri occhi, prendendo la natura come esempio per raggiungere la pace interiore. La peculiarità di questo libro è che può essere letto partendo dal primo atto, dall’ultimo o da quello di mezzo, o scegliendo i capitoli istintivamente, a sensazione. É una sorta di girotondo nel quale si può entrare in qualsiasi punto e, presi dolcemente per mano, ci si trova magnificamente coinvolti.
Ho l’abitudine di sottolineare con la matita i passaggi delle letture che più mi colpiscono, con Se respiri stai danzando ho desistito sin dall’inizio, perchè tutti i paragrafi sono degni di nota e di essere riletti per percepirne tutte le sfumature.
Non riporrò questo libro su uno scaffale della libreria, ma lo terrò a portata di mano per leggere ogni giorno un passaggio che sarà spunto per riflessioni quotidiane o un esercizio per vivere nella consapevolezza.

I fiori dell’arte li bagnerò con l’acqua della gioia e dei dispiaceri. Li inumidirò col sudore e cresceranno luminosi e trasparenti. Quando penserai di raccoglierli, sarò lì. A fartene dono senza reciderne i gambi, offrendo me stessa e loro insieme. La terra e i fiori, la madre e i suoi figli. Scaverò e non Ti darò pace finché non mi dirai che è giusto, che è così. Mi sento acqua dietro una roccia. Il cammino è graduale, ma vigoroso. Il fuoco brucia e parlerò un giorno e le parole saranno armonia, saranno danza dell’anima. Forse la mia voce potrà curare i cuori, un giorno danzerò ancora. Spegnerò il dolore.
Annamaria Gyietsu Epifania

Emanuela Trevisan Ghiringhelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: